Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)
Filtri Acqua Milano

Kit Ultrafiltrazione

Kit Ultrafiltrazione con membrana a fibre cave.

229,00
229,00

Kit WP MC01

 

Dettagli Prodotto

 

 

Filtro per il trattamento dell'acqua potabile, basato sulla tecnologia che associa la carta impregnata di carbone e una membrana cava a 0,1 micron (0,1 milionesimo di metro).

I Benefici

Ecco i principali benefici che si ottengono utilizzando il sistema di Ultrafiltrazione.

  • Piacevole sapore delle bevande e dell’acqua utilizzata per ogni preparazione alimentare.
  • Questo Kit professionale rimuove il cloro, i sapori e gli odori sgradevoli e gli agenti contaminanti erogando un’acqua di qualità per la produzione di bevande fredde, calde e preparazioni alimentari ma soprattutto vi dona un acqua batteriologicamente sterilizzata e priva di qualsiasi organismo patogeno.
  • Produce in continuo 150 litri all’ora di acqua buonissima,pura e debatterizzata grazie alla qualità dei componenti utilizzati e certificati dai principali organi preposti alla vigilanza nell’ ambito di prodotti per l’utilizzo alimentare e la somministrazione.
  • Rimozione di eventuali agenti contaminanti

Le fibre di Asbesto, le fibre di Amianto e altri microorganismi presenti nell’acqua, come le cisti di Giardia e di Cryptosporidium, la sporcizia, il cloro, il calcare, la muffa e le alghe.Il sistema di depurazione a Fibre Cave fornisce la filtrazione assoluta e rimuove tutte le particelle di diametro superiori o uguali a 0,15 micron (0,00015 mm).

Cosa significa grado di filtrazione pari a 0,1μm?

  • Per avere un’idea dell’ordine di grandezza di questa unità di misura basti pensare che il diametro di un globulo rosso è pari a 8 μm, mentre quello di un capello varia tra i 65 e i 78 μm. Le celebri PM10 sono polveri sottili con dimensioni di circa 8 μm.questo per spiegare quanto mirata e selettiva sia la filtrazione dell’acqua effettuata dai nostri depuratori con tecnologia a prefiltrazione a carboni attivi e filtrazione con membrana a fibre cave.

Per le acque di rubinetto, quando si parla di contaminazione, ci si riferisce ai fattori che portano un’acqua al di sotto della qualità legale nonché a tutte quelle cause che la rendono meno gradita al consumatore.
È necessario individuare le principali fonti di contaminazione delle acque di rubinetto, non solo per definire i controlli nel sistema acquedottistico ma anche per pianificare gli interventi più opportuni.
L’acqua destinata al consumo umano può subire un significativo peggioramento della qualità originaria, non solo per l’inquinamento delle falde sotterranee e dei corsi d’acqua superficiali, ma anche per il contatto con i materiali costituenti le reti di distribuzione e gli impianti domestici.
Tale peggioramento è causato essenzialmente da fenomeni di corrosione dei componenti metallici e cementizi e da cessioni dei materiali plastici.
A seguito di questo degrado capita sovente che dal rubinetto possa sgorgare un’acqua che presenta caratteristiche organolettiche peggiori di quelle che possedeva all’uscita degli impianti di trattamento.
Il degrado di qualità delle acque nella rete di distribuzione va, per quanto possibile, evitato poiché, anche se quasi sempre esso non comporta un superamento dei limiti di potabilità, in termini di concentrazioni massime ammissibili (CMA)25, può essere comunque causa di problemi igienico sanitari per i consumatori.

  • Studi recenti dell’EPA hanno dimostrato come, infatti, le contaminazioni derivanti da cessioni di metalli quali ad esempio il piombo, il rame ed il cadmio, sono causa di disturbi cronici e gravi patologie.
  • Il fenomeno della corrosione risulta particolarmente grave in Italia dove persiste un sistema di reti di distribuzione antiquato che utilizza prevalentemente tubazioni realizzate in materiali ferrosi, plastica o addirittura cemento/amianto.
  • La Clorazione è il principio basilare su cui si basa il processo di disinfezione per clorazione si intende la capacità del cloro di ossidare efficacemente qualunque sostanza organica presente in acqua e, quindi, di neutralizzare qualsiasi microrganismo patogeno.
  • La Clorazione è attualmente il trattamento più utilizzato in Italia per eliminare dall’acqua i batteri che potrebbero essere causa di problemi sanitari, ma da studi recenti dell’OMS emerge che l’aggiunta di sostanze chimiche all’acqua provoca la formazione di sottoprodotti tossici identificati come D-DBP(Disinfection-Disinfection By Products).
  • L’ipoclorito in particolare dà origine a trialometani: il più conosciuto di questi è il cloroformio. Da esperimenti di laboratorio è risultato che i trialometani sono cancerogeni e capaci di danneggiare irrimediabilmente fegato e reni.

Una ricerca dell’Istituto Superiore della Sanità mette in evidenza, inoltre, come l’impiego di cloro nella disinfezione selezioni forme di microbi resistenti, “fenomeno tanto maggiore quanto più si usino disinfettanti blandi, come l’ipoclorito, a dosi basse”.

Questo trattamento favorisce anche la lesione delle tubature contribuendo ad aggravare i fenomeni di contaminazione da corrosione.
Altri prodotti derivati dal cloro utilizzati nei processi di disinfezione sono il biossido di cloro e le clorammine.
Queste ultime sono meno potenti, quindi richiedono un maggior tempo di contatto con gli organismi da distruggere per essere efficaci e come gli ipocloriti generano sottoprodotti tossici.

Dal punto di vista fisico un’acqua potabile deve essere incolore, inodore, insapore,limpida, aerata e fresca

  • Con l’Impianto di depurazione  da installare sotto al lavello potrete disporre di un acqua con tutte le caratteristiche organolettiche essenziali ridonandogli però la purezza della sua origine ed eliminando quel sapore poco gradevole che spesso ci costringe a non berla.

*Autonomia di 24 Mesi per il filtro a fibre cave e 12 mesi.

  • Qualità dell’acqua costante nel tempo.

Variazioni di pressione(interruzioni nella rete idrica e colpi di ariete)non possono causare rilasci improvvisi di impurità accumulata nel filtro.

  • Rispetto delle regole relative alla rete idrica
    Una valvola di non ritorno all’interno del filtro assicura che le impurità siano trattenute dal filtro e non rilasciate nella rete idrica.
  • Sostituzione dei filtri secondo la normativa igienico sanitaria
    La sostituzione dei filtri non richiede un diretto contatto con le parti interne contaminate del filtro e viene effettuata dal cliente in pochi minuti senza ulteriori spese per l’intervento di tecnici.
  • L’acqua di buona qualità è un importante ingrediente
    Tutti gli operatori nel campo alimentare, riconoscono l’importanza dell’acqua di buona qualità. La qualità dell’acqua, che costituisce la base di ogni ricetta è spesso trascurata e passa in secondo piano.

Scheda Tecnica

Codice produttore WTPR001
   
Dimensioni Altezza 37.5 cm
  Diametro 7.9 cm
Tecnologia Fibre cave e Pre coat
   
Efficacia filtro Cloro, torbidità, riduce i metalli pesanti, batteriostatico
   
Grado di filtrazione 0.1 μm
   
Capacità di filtrazione 11000 litri
   
Temperatura max min 4-38 °C
   
Pressione di esercizio 1.5 - 8.6 MPa
   
Certificazioni DM 174 -2004 Dm 25
   
Smaltimento Rifiuto domestico se utilizzato su acque potabili